Allergie nei gatti

Perché innesca reazioni di difesa che portano a gravi infiammazioni in varie parti del corpo. Nel peggiore dei casi, è possibile anche uno shock anafilattico, che alla fine può essere fatale.

Le allergie vengono "dal nulla"

Le sostanze che scatenano l'allergia – dette anche allergeni – sono per lo più di origine naturale. Questi sono, ad esempio, il polline delle piante, gli acari, la saliva delle pulci o le proteine ​​bovine. E: le allergie compaiono di punto in bianco. Un gatto può tollerare bene il suo cibo per anni e avere una reazione allergica da un giorno all'altro. La cosa spiacevole è che un'allergia raramente arriva da sola. I gatti sono generalmente allergici a molte sostanze diverse. È difficile prevedere come si svilupperanno le allergie: possono peggiorare progressivamente o, anche se molto raramente, scomparire di nuovo dall'oggi al domani. Mentre le persone allergiche spesso reagiscono al contatto con allergeni con febbre da fieno e lacrimazione, questi sintomi sono rari nei gatti. Tuttavia, i gatti sono l'unica specie animale che può soffrire di asma allergico come gli esseri umani. L'asma è caratterizzata da attacchi di grave mancanza di respiro con paura di soffocamento. Durante un attacco, i gatti colpiti spesso respirano con la bocca aperta, i fianchi si alzano e si abbassano in modo significativo e gli animali appaiono ansiosi. Se noti questi sintomi nel tuo gatto, contatta immediatamente il tuo veterinario o il servizio di emergenza veterinario. Perché la grave mancanza di respiro non solo innesca la paura della morte negli animali, ma è in realtà una condizione pericolosa per la vita. I proprietari di gatti asmatici potrebbero volere che il loro veterinario prescriva farmaci di emergenza in modo che possano ottenere aiuto rapidamente se il gatto ha un attacco violento.

Il grilletto deve essere trovato

Tuttavia, i gatti mostrano l'intolleranza cutanea come sintomo di allergie più frequentemente rispetto ai sintomi di asma grave. Ad esempio, con tutte le infiammazioni cutanee, soprattutto se si verificano in connessione con un forte prurito, dovrebbe essere considerata anche un'allergia. Per inciso, questo vale anche se la sostanza che causa l'allergia non viene affatto a contatto con la pelle, come nel caso di un'allergia alimentare. Inoltre, le allergie possono anche portare a disturbi digestivi come vomito e diarrea o malattie infiammatorie di alcune parti del corpo come le orecchie o le zampe. Per una terapia mirata, il veterinario deve scoprire quali sostanze scatenano l'allergia nel suo paziente. Con il gran numero di possibili allergeni e le allergie multiple che si verificano frequentemente, questa è un'impresa difficile, talvolta lunga e costosa. Le osservazioni del proprietario sono estremamente importanti per la diagnostica: quando e in quali circostanze il gatto mostra sintomi? Molte allergie comuni possono ora essere diagnosticate utilizzando un esame del sangue. Nel caso di allergie alimentari, gli allergeni responsabili possono essere determinati con certezza solo seguendo una dieta speciale (dieta di eliminazione) della durata di diverse settimane.

Sfortunatamente, i test cutanei che danno risultati affidabili nell'uomo si sono rivelati molto meno affidabili nei gatti. Una volta che l'allergene o gli allergeni sono stati identificati con certezza, è possibile adottare i seguenti approcci terapeutici: La prima priorità è evitare l'allergene. È uno dei capisaldi del trattamento e può essere facilmente abbinato a tutti gli altri metodi. Questo metodo è facile da implementare, ad esempio, nel caso di un'allergia alla saliva delle pulci utilizzando un efficace controllo delle pulci. Questo metodo si è dimostrato valido anche in caso di allergia ai mangimi: il mangime che scatena l'allergia viene sostituito con uno anallergico. In molti casi, tuttavia, il metodo non può essere implementato perché l'allergene è una sostanza che si trova semplicemente ovunque, ad esempio le feci degli acari della polvere, o perché l'allergene non è noto.

La guarigione è possibile

L'ipersensibilizzazione (immunoterapia specifica, SIT) è un altro metodo elegante, con l'obiettivo di "abituare" il sistema immunitario all'allergene fino a classificare la sostanza come innocua. Per fare ciò, il veterinario prima inietta nell'animale piccole quantità di allergene e aumenta gradualmente la dose. La terapia è lunga e l'allergene deve essere chiaramente noto. L'ipersensibilizzazione è attualmente l'unica possibilità per curare effettivamente un'allergia, ma le cure reali sono molto rare. In circa due terzi dei casi, tuttavia, il veterinario può ottenere un significativo alleviamento dei sintomi e un miglioramento della qualità di vita dell'animale con ipersensibilizzazione. Infine, trattare il gatto in modo sintomatico può fornire sollievo. In sostanza, questa terapia mira a sopprimere la risposta immunitaria. I farmaci correlati al cortisone, l'ormone del corpo, vengono solitamente utilizzati per questo scopo. Se questi cosiddetti corticosteroidi vengono utilizzati per un breve periodo, ad esempio pochi giorni all'anno in caso di allergia ai pollini, di solito non hanno effetti collaterali. Se i corticosteroidi devono essere somministrati all'animale allergico in modo permanente, è arte del veterinario determinare la dose efficace più piccola. Perché il trattamento a lungo termine con corticosteroidi può portare a effetti collaterali come perdita di capelli o atrofia muscolare. Fortunatamente, le zampe di velluto tollerano il cortisone molto meglio degli esseri umani o dei cani, quindi gli effetti collaterali sopra menzionati si verificano raramente nei gatti.

Quando arriverà sul mercato Hypocat?

Oltre al cibo per gatti Purina, in futuro potrebbe esserci un'altra soluzione per gli amici felini inclini alle allergie. I ricercatori delle università di Berna e Zurigo stanno lavorando a un vaccino contro l'allergia al pelo di gatto. "Hypocat" deve essere 2022 lanciato.

Cosa fa prudere i gatti?

Le cause principali delle reazioni allergiche nei gatti sono tre: pulci, cibo e allergeni presenti nell'ambiente. Alcuni gatti soffrono di un'allergia alla saliva delle pulci. Il tuo sistema immunitario reagisce in modo molto sensibile con una reazione allergica al morso delle pulci, che può provocare un forte prurito.

Puoi essere improvvisamente allergico ai gatti?

"Purtroppo, un'allergia a un animale domestico può svilupparsi improvvisamente", afferma il professor Ludger Klimek, presidente dell'Associazione degli allergologi tedeschi. Uno shock per molti di coloro che sono stati colpiti. Di solito lo senti nelle vie aeree, il naso prude, è bloccato, scorre una chiara secrezione.

Come faccio a sapere se sono allergico ai gatti?

​​​​​​​Sintomi tipici di un gatto allergia occhi rossi. lacrimazione e bruciore agli occhi. rinite allergica. irritazione di starnuti e tosse. Gola graffiante. Gonfiore, prurito e arrossamento della pelle. concentrazione e disturbi del sonno. mancanza di respiro e asma allergico.

Dieta di eliminazione

La dieta di eliminazione seguita da una dieta challenge è il metodo migliore per diagnosticare un'allergia alimentare. Con la dieta di eliminazione, l'animale viene nutrito con una dieta composta da ingredienti che non ha mai mangiato prima. Ad esempio, è possibile una dieta di eliminazione, composta da carne di struzzo per l'apporto proteico e patate come fonte di amido. Tuttavia, possono essere utilizzate anche altre proteine ​​animali come capra, selvaggina, anatra o pesce. Un'alternativa al cibo fatto in casa sono le diete speciali per allergie pronte dal veterinario. Se un'allergia o un'intolleranza alimentare ha effettivamente causato i sintomi, il quadro clinico dovrebbe migliorare notevolmente. Tuttavia, solo a condizione che il gatto non abbia nulla da mangiare per un periodo di almeno otto settimane, fatta eccezione per il cibo dietetico! Se l'animale ottiene qualcos'altro da mangiare anche una volta, settimane di sforzi possono essere "inutilmente" e puoi ricominciare tutto da capo.

Quando le condizioni dell'animale si sono stabilizzate, puoi iniziare ad aggiungere nuovi ingredienti alla dieta. Questa cosiddetta dieta di provocazione serve per scoprire a quali sostanze il gatto è effettivamente allergico, oppure solo con l'aiuto della dieta di provocazione puoi scoprire quali alimenti l'animale tollera, in modo da poter diversificare il tuo menu.

Potrebbe anche interessarti

  • Prurito
  • Funghi della pelle
  • La perdita di capelli

Altre piante per gatti

Se non ti dispiace pulire i tappeti, puoi offrire piante sostitutive in alternativa all'erba gatta, che spesso sembrano un po' più decorative in casa:

  • Pianta del ragno: la popolare pianta da rosicchiare filtra le sostanze inquinanti dall'aria. Se vieni da una famiglia di fumatori, non dovresti offrire questa pianta. Assicurati di pizzicare le infiorescenze. Perché i baccelli contengono sostanze che causano la diarrea nei gatti.
  • Erba di cipro nana: la forma nana dell'erba di cipro ha foglie più morbide e dai bordi meno affilati rispetto alla sorella maggiore. Tuttavia, può capitare che dei fili d'erba si incastrino nel naso e nella gola. Alcuni veterinari quindi sconsigliano del tutto questa pianta.
  • Steli d'orzo: molti gatti preferiscono l'orzo. Se pianti tu stesso l'orzo, assicurati di usare semi biologici. In alternativa, sono disponibili in commercio anche set completi con una mini serra.
  • Erba normale: se offri erba convenzionale, assicurati che non provenga in prossimità di una strada trafficata (rischio di inquinanti), da un prato coltivato (fertilizzanti tossici) o da un parco per cani (rischio di infestazione da vermi).

Nota: alcuni gatti potrebbero essere allergici a queste alternative all'erba gatta. Dovresti anche, come con l'erba gatta acquistata, assicurarti di lavare bene le piante sostitutive per evitare che il gatto ingerisca pesticidi tossici.

C'è sempre il rischio che una cannuccia rimanga incastrata nel naso o nella gola. Quindi fai attenzione a tutti gli esperimenti che coinvolgono l'erba gatta e le sue alternative! E non lasciare mai che il tuo gatto mordicchi altre piante d'appartamento. Molte piante sono altamente tossiche per i gatti!

Blu di Russia

Si dice che questo nobile gatto causi reazioni allergiche meno gravi. La Russian Blue può essere molto affettuosa e gentile, ma anche selvaggia e distaccata, a seconda di ciò che vuole in questo momento. Ama coccolare, ma tende ad essere timida e riservata con gli estranei.

Il sottopelo e il pelo superiore di questa razza di gatti sono di uguale lunghezza. Il Russian Blue non perde quasi nessun pelo e quindi diffonde l'allergene "Fel d 1" in modo meno intenso.

Diarrea cronica nei gatti

La diarrea è un sintomo e non una malattia indipendente. Ci sono molte cause che possono causare diarrea nei gatti. Questi includono:

  • Infezioni da virus o batteri
  • Infestazione da vermi e parassiti unicellulari
  • Allergia o intolleranza alimentare
  • Malattie e danni al fegato, ai reni e al pancreas
  • Tiroide iperattiva
  • Tumori dell'apparato digerente
  • Antibiotici somministrati per un lungo periodo di tempo
  • sindrome psicologica dell'intestino irritabile

Puoi aiutare il tuo veterinario con la diagnosi e potenzialmente risparmiare un sacco di soldi se fornisci loro una storia dettagliata della storia del tuo gatto e di come sta procedendo. Importanti qui sono:

  • Durata della malattia
  • Pretrattamenti
  • Sintomi di accompagnamento (ad es. vomito o voglie)
  • Descrizione della diarrea stessa (frequenza e aspetto)

Misure di primo soccorso dopo il morso del gatto e il graffio del gatto

Se sei stato graffiato o morso da un gatto, ecco cosa dovresti fare:

  • Pulisci e disinfetta accuratamente ogni ferita immediatamente.
  • Indossare una medicazione sterile e tenerla ferma.In caso di ferite più profonde, consultare un medico il prima possibile. 
  • Controlla lo stato di vaccinazione e lo stato di salute del gatto.
  • Controllare e aggiornare le vaccinazioni se necessario.
  • Osservare attentamente la ferita e far esaminare immediatamente eventuali modifiche da un medico. 

In caso di morso profondo, il veterinario Dr. Hollmann di andare sempre da un dottore. L'infiammazione può svilupparsi entro poche ore e, se non trattata in tempo, può portare a gravi complicazioni. Il tessuto infetto deve essere asportato, in anestesia locale o generale, a seconda della gravità dell'infezione. Ecco perché è meglio andare dal medico una volta di troppo che non abbastanza.  Il gattino morde il braccio.

Allergia al gatto: sintomi, fattori scatenanti, terapia

Le allergie ai gatti e altre allergie agli animali colpiscono circa il 10% della popolazione in Germania. I sintomi a volte sono drammatici. Se viene diagnosticata un'allergia al gatto, molti amanti dei gatti si chiedono: posso tenere un gatto nonostante un'allergia?

Chi soffre di allergie non deve necessariamente fare a meno di un gatto. Ma affinché funzioni, dovresti sapere a cosa sei veramente allergico e come puoi contenere l'allergia.

Allergia e ancora un gatto: ha davvero senso?

Come amante degli animali, è difficile rinunciare a un gatto se hai un'allergia. Può essere comunque una buona idea tenere un gatto. Tuttavia, le reazioni allergiche possono peggiorare nel tempo.

Devi essere consapevole di questo. Se hai acquistato un gatto come allergico al gatto, è possibile che le reazioni allergiche diventino sempre più estreme fino a quando non dovrai finalmente restituire l'animale. Questo è particolarmente tragico. Non solo per il proprietario, ma anche per il gatto. Quindi, prima di acquistarne uno, pensa attentamente se vuoi davvero tenere un gatto.