Virus dell'herpes felino

Il virus, noto anche come FHV-1, è costituito da un involucro e da un cosiddetto capside. Questa è una struttura proteica complessa e regolare che racchiude il genoma virale. Il Virus è solo moderatamente stabile. Ciò significa che a temperature superiori a 15 °C perde la sua infettività dopo appena 24 ore. Tuttavia, se fa molto freddo (4°C), il virus dell'herpes può rimanere infettivo per mesi. L'involucro dell'FHV-1 è necessario per l'infezione. Con un disinfettante o un solvente è possibile distruggere questa copertura protettiva e quindi anche inattivare l'agente patogeno.

Origine e sviluppo della malattia

Viene fatta una distinzione tra una forma primaria di infezione da FHV-1 e una forma cronica o latente della malattia. In primo luogo, i virus attaccano le mucose nasali, da lì l'infezione si diffonde attraverso la faringe, la congiuntiva palpebrale alle vie aeree superiori. I primi sintomi, che possono durare fino a due settimane, possono essere osservati già dopo due giorni. Dopo questa fase primaria, l'animale si riprende dai sintomi. Tuttavia, molti gatti rimangono infetti (forma latente). Ciò significa che, sebbene gli animali non mostrino più alcun sintomo, possono comunque infettare altri gatti. I gattini giovani fino a tre mesi e i gatti di età in situazioni di stress sono particolarmente suscettibili al virus dell'herpes felino.

Quadro clinico - sintomi

All'inizio, i gatti infetti mostrano un raffreddore. Starnutisci, hai secrezione nasale e congiuntiva infiammata. Nel tempo, la secrezione nasale diventa più mucosa e purulenta, rendendo difficile la respirazione. I sintomi di solito scompaiono da soli dopo circa due settimane. Tuttavia, a volte l'infezione si diffonde alla cavità orale, alla faringe e ai polmoni. Questo è poi accompagnato da febbre alta, perdita di appetito e apatia. Con un tale decorso della malattia, l'infezione può persino portare alla morte.

Previsione

Sfortunatamente, non ci sono ancora farmaci antivirali efficaci contro il virus dell'herpes felino. Solo i sintomi possono essere trattati. Anche le cure amorevoli e molte attenzioni contribuiscono molto alla rapida guarigione del gatto.

Profilassi

C'è un vaccino contro il virus dell'herpes felino. Al giorno d'oggi, quasi senza eccezioni, i vaccini sono combinati con altri antigeni virali e vengono iniettati sotto la pelle o nei muscoli. Ma ci sono anche vaccini che vengono gocciolati nel naso. Anche da giovane gatto, l'animale dovrebbe essere vaccinato contro il virus FHV-1 come parte dell'immunizzazione di base.

Potrebbe anche interessarti

  • Malattie infettive
  • Protezione per gatti dalle infezioni virali
  • Vaccinazione del gatto

Gli agenti patogeni dell'influenza gatto a colpo d'occhio

Gli agenti patogeni dell'influenza felina possono essere trovati sia nel regno virale che in quello batterico. 

Viene fatta una distinzione tra agenti patogeni primari (che causano malattie) come

  • il calicivirus felino (FCV)
  • l'herpesvirus felino (FHV1)
  • il batterio Bordetella bronchiseptica
  • il batterio Chlamydophila felis e
  • varie specie di micoplasmi

di agenti patogeni secondari come

  • Pasteurella spp.
  • Staphylococcus spp.
  • Escherichia coli
  • Streptococco spp.
  • Pseudomonas spp. e
  • Klebsiella spp.

Il calicivirus felino e l'herpesvirus felino sono coinvolti nel complesso dell'influenza felina in oltre l'80% dei casi.

Vaccinazione del gatto

Come per qualsiasi altra misura medica, anche la necessaria protezione vaccinale dipende dal rispettivo paziente: è un gatto puramente indoor, un gatto da esposizione, un gatto libero o anche un compagno di viaggio all'estero? Anche l'età gioca un ruolo: gattini e gatti più anziani sono generalmente più a rischio di malattie virali. In particolari situazioni di vita del gatto, possono essere necessarie ulteriori vaccinazioni, ad esempio se è in sospeso l'alloggio in una pensione per animali. Il veterinario e il proprietario del gatto dovrebbero considerare tutti questi fattori in modo che il gatto riceva le vaccinazioni di cui ha bisogno evitando rischi inutili. Ciò significa anche che i gatti vaccinati solo ogni tre anni vengono comunque esaminati dal veterinario una volta all'anno per rilevare le malattie in una fase precoce. Dopotutto, entrambe le parti vogliono mantenere il gatto in salute.